Gli Auguri di Natale a Genova

AIS GENOVA

L'uomo, il territorio, il tempo. Genova attraverso un calice di vino.

venerdì 14 dicembre

Matteo Capurro

Il contesto è di quelli da togliere il fiato…ma è forse riduttivo parlare di un mero contesto. Coprotagonisti della serata sono stati, infatti, ori e affreschi, dipinti, stucchi e arazzi, a cornice di arredi dai fregi preziosi e suppellettili di pregiata fattura, che si rincorrono in un susseguirsi di ampi spazi, ariosi e luminosi, tra sale, saloni e gallerie che lasciano di tanto in tanto spazio a più intimi e discreti salottini. Questo è in estrema sintesi Palazzo Reale, anzi il secondo piano nobile di un’imponente dimora patrizia tra i più grandiosi esempi di architettura sei-settecentesca di Genova. Una realtà che all’interno di una città dominata da luci, suoni e vita frenetica, resta una perla. Tutta da scoprire.

Poi, per avvicinarci ancor di più ad un clima natalizio già preannunciato dalle prime avvisaglie in serata di possibili nevischi, ecco alcuni echi dal passato. Il primo, un passato che sta ritornando in più punti della Liguria dopo un lungo periodo di silenzio, quel “Confeugo”, cerimonia antica, omaggio del popolo offerto dapprima al Podestà, poi ai Capitani del Popolo e poi al Doge, che era occasione per rinnovare e saldare i rapporti tra cittadinanza e Autorità e per salutare il Capo d’Anno. La Dottoressa Vernazza, tra immagini e ricordi, ci ha presi per mano e guidati nel corteo, lungo il cerimoniale del “Confeugo”, fino all’accensione del tronco d’alloro, dalle forti valenze simboliche. Il secondo, invece, un passato che forse è già sparito o fa fatica a far ritorno e parlare di sé, ricordato o fatto scoprire a chi non lo conosceva, dal Vicepresidente Regionale Antonio Del Giacco. Parliamo dei “natalini”, “danatali” o “maccheroni di Natale”, un tempo vero e proprio rito propiziatorio benaugurante, sia per i ricchi che per i ceti meno abbienti. Una pasta secca nata a Genova, che i primi consumavano in un ricco e succulento brodo di cappone, magari irrobustito da polpettine di carne, i secondi in un più modesto ma non meno saporito brodo di trippa.



La voglia a questo punto di condividere e concedersi alle numerose prelibatezze gastronomiche che sono state disposte sulle ricche tavolate imbandite è, dopo tali premesse, venuta da sé: piccole raffinatezze dai gusti assortiti, veri e proprio scrigni di sapore, sia salati sia, per concludere, dolci sono stati proposti ai partecipanti con l’aiuto professionale e discreto dagli studenti dell’Istituto Alberghiero Marco Polo di Genova, guidati dalla mano ferma ed esperta del Professor Gozzi. Non senza però aver prima iniziato con un bel brindisi, con uno dei simboli della tradizione e ricchezza enologica del nostro Paese. Il Franciacorta, un mondo che non ha bisogno di spiegazioni, fatto di sfumature, odori e aromi, e ovviamente brillanti bollicine che ci hanno accompagnato per tutta la serata. Si sono così fatti strada ora calici dai luminosi riflessi dorati, ora dalle tinte di un rosa tenue e delicato, serviti con eleganza dei nostri Sommelier di Servizio.

Direi che non poteva esserci modo più elegante, conviviale e sincero, per augurarsi un Buon Natale e un inizio anno all’insegna del buon vino e della buona compagnia.


CONTENUTI CORRELATI

Prescinseua - La cagliata ligure

Ais
Genova

Martedì
Maggio

STOKKE E BACCALA’: curiosità, ricette e abbinamenti

Ais
Genova

Martedì
Maggio

L'oro verde - La storia

Ais
Genova

Sabato
Aprile

I vini aromatizzati. La storia.

Ais
Genova

Giovedì
Aprile