I vini aromatizzati. La storia.

Per la prima esperienza di degustazione collettiva on line la Delegazione di Genova ha scelto vini particolari: i vini aromatizzati.

E a guidare la serata un relatore d’eccezione: Fulvio Piccinino, che gia’ a gennaio 2020 ci aveva affascinato con due strepitose Masterclass sui vermouth.

Fulvio il Vermouth lo racconta nel suo libro “Il Vermouth di Torino .Storia e Produzione del piu’ famoso vino aromatizzato” ricco di preziose informazioni a partire dall’origine del nome : e’ nel 1570 che Giovan Vettorio Soderini parla per la prima volta di “Wermuth” e lo definisce “un vino d’assenzio di rosmarino e di salvia, in uso in Germania e in Ungheria”

Ma la storia dei vini aromatizzati risale a tempi assai piu’ antichi, certamente all’epoca preromana, in cui l’ assenzio, o erba artemisia era utilizzato con finalita’ medicinali. Nel I secolo anche il gastronomo Marco Gavio Apicio, nel suo libro di cucina De re coquinaria , cita l’absinthiatum, una bevanda prodotta con assenzio, cannella, mirto e zafferano, assai amara e servita come digestivo.

La narrazione di Fulvio Piccinino prende avvio dal 1500, quando Emanuele Filiberto di Savoia, appassionato di alchimia e amante dell’assenzio, sposta a Torino la capitale, e si snoda lungo i successivi tre secoli in cui la storia del regno sabaudo si intreccia con quella degli spezieri e i vini aromatizzati prodotti a Torino, acquisiscono diffusione e fama, sino a costituire una eccellenza famosa in tutta Europa.

E’ di Torino la prima Universita’ dei Confetturieri e degli Acquavitai, che nel 1739 rilascia ai propri allievi il titolo di “maestro”, grazie al quale e’ possibile esercitare la professione di liquorista, ed e’ sempre a Torino che nel 1786 Antonio Benedetto Carpano aromatizza vini di pregio con una miscela di erbe e utilizza per la prima volta lo zucchero, rendendo cosi’ la bevanda particolarmente gradevole.

Anche nel secolo successivo Torino si conferma capitale del Vermouth: il Regio Decreto Industriale del 1840 censiva in citta’, piu’ di 30 liquoristi e vermouthisti. Sono gli anni in cui il vino aromatizzato si diffonde anche nelle classi sociali elevate, le erbe piu’ amare sono mitigate da spezie maggiormente godibili, l’uso dello zucchero alimenta la piacevolezza della beva.

Altro vino aromatizzato in degustazione nella serata e’ il barolo chinato. Sono per primi i francesi a meta’ del 1800 a realizzare un vino con la china e lo zucchero, per somministrare in modo accettabile il chinino ai soldati in servizio nelle colonie. Ma e’ tutta italiana (anzi, piemontese) l’idea di porre in infusione la china , le altre spezie e lo zucchero in un vino nobile come il barolo. Giulio Cocchi, ad Asti, nel 1891 chiama questo vino Barolo Chinato, e ne avvia la produzione e la commercializzazione.

La creazione nel 1853 della ferrovia Torino Asti Genova da’ al commercio un impulso notevolissimo, le fabbriche utilizzano le strade ferrate, Genova e il suo porto diventano crocevia anche per le spezie destinate al vermouth che arrivano dall’estero, e per il prodotto finito che parte per i nuovi mercati. Sulle etichette delle piu’ importanti aziende, come Gancia e Martini, e’ addirittura raffigurato un treno stilizzato.

Ha inizio in quegli anni di fine secolo un trentennio d’oro che si interrompera’ solo con la prima guerra mondiale. Il vermouth e’ sinonimo di aperitivo, incontro, convivialita’, accessibile a tutte le classi sociali. A fine giornata nella elegante e operosa Torino c’e’ l’ora del vermouth!

Autore: Patrizia Rebora

EVENTI CORRELATI

GE

sold out

concluso

I vini aromatizzati

01 aprile 2021 / ore posti disponibili

CONTENUTI CORRELATI

Genova

sold out

concluso

Prescinseua - La cagliata ligure

11 maggio 2021 / ore posti disponibili
Genova

sold out

concluso

STOKKE E BACCALA’: curiosità, ricette e abbinamenti

11 maggio 2021 / ore posti disponibili
Genova

sold out

concluso

L'oro verde - La storia

17 aprile 2021 / ore posti disponibili
Genova

sold out

concluso

Capolavori Di-Vini

23 ottobre 2018 / ore posti disponibili




© 2022 AIS Liguria - Termini e condizioni - Privacy policy - Credits