Michela Isola - Miglior Sommelier del Vermentino 2019

AIS GENOVA

L'uomo, il territorio, il tempo. Genova attraverso un calice di vino.

lunedì 18 novembre

Alex Molinari

E’ una camoglina della Delegazione di Genova la vincitrice del Trofeo per il Miglior Sommelier del Vermentino 2019 . Nella meravigliosa Cornice di Villa Marigola a Lerici Michela Isola ha sorpassato in finale Deborah Monaldi, grazie anche all’ ottima prova nella gestione del  tavolo di commensali.

Michela Isola , 24 anni, ha grinta da vendere.

Ultimogenita di una famiglia numerosa (mamma, papa’ sette fratelli e un cane) a cui e’ legatissima, e’ stata due volte campionessa italiana di pallanuoto.

Oggi lavora al ristorante IL MARIN  di Genova e  ha due grandi passioni: il vino e la musica.

“Amo moltissimo i cantautori  italiani” ci racconta “  tutti, ma in particolare De Andre’ . Ho una collezione completa dei suoi dischi, rigorosamente  in vinile, e un tatuaggio con la sua immagine sul braccio”.

L’altra grande passione naturalmente e’ il vino. “Ho scoperto da giovanissima di avere una buona predisposizione nel riconoscere i profumi, ma la decisione di approfondire gli studi e’ venuta piu’ tardi, quando il mio lavoro ha reso necessaria una competenza professionale. Non potevo fare brutta figura con i clienti!”

Cosi’ Michela risparmia il piu’ possibile , e si iscrive al primo livello AIS. Si diploma con un’ottima votazione nel gennaio 2019, ma non smette mai di studiare.

“Quando la delegazione mi ha proposto di partecipare ai gruppi di studio settimanali mi e’ sembrata una buona occasione “ dice “ gli appuntamenti sono stati uno stimolo per non perdere il ritmo”.



Le chiediamo se conciliare studio e lavoro e’ stato faticoso. “Si”, risponde decisa “ le ore di lavoro nella ristorazione sono tante, ho studiato nel tempo fra il servizio del pranzo e quello della cena. A casa ho fatto pratica: ho costretto per mesi i miei genitori ad ascoltare degustazioni e a bere quasi esclusivamente vermentino”.

Un “sacrificio” che mamma e papa’ hanno fatto volentieri. Anzi, il papa’ e’ rimasto talmente affascinato dall’esperienza di Michela che ha deciso di iscriversi al primo livello del corso che partira’ a Genova il prossimo febbraio.

 Come ti sei sentita nel momento in cui hai realizzato di aver vinto un Trofeo cosi’ importante?

“Ero emozionata, incredula. Non me lo aspettavo. Ancora adesso fatico a rendermene conto. Tutta la giornata e’ stata straordinaria, un’esperienza bellissima”.

Michela ha le idee ben chiare sul futuro. Sta ristrutturando casa per andare finalmente a vivere con il fidanzato, sogna di aprire fra qualche anno un’ enoteca con cucina, ma il primo immediato obiettivo e’ continuare a studiare, per partecipare al concorso di Miglior Sommelier della Liguria.

     

 


CONTENUTI CORRELATI

Prescinseua - La cagliata ligure

Ais
Genova

Martedì
Maggio

STOKKE E BACCALA’: curiosità, ricette e abbinamenti

Ais
Genova

Martedì
Maggio

L'oro verde - La storia

Ais
Genova

Sabato
Aprile

I vini aromatizzati. La storia.

Ais
Genova

Giovedì
Aprile