LE COLLINE DEL GAVI: crocevia di culture, paesaggi e terreni.

AIS GENOVA

L'uomo, il territorio, il tempo. Genova attraverso un calice di vino.

martedì 17 settembre

Giuseppe Marini

Le colline del Gavi sono nella parte più a sud del Piemonte, strette tra Liguria e Lombardia. Da sempre è considerata una terra famigliare per i genovesi, non solo per la sua vicinanza, ma anche per ragioni storiche e culturali. Terra feudataria di molte nobili famiglie genovesi è legata al territorio ligure anche da ragioni commerciali. Attraversate dalla via del Sale e dalla Via Postumia, queste colline diventano presto insediamento dei feudi dei nobili di Genova e mantengono ancora oggi, nei toponimi di molte cittadine, nella disposizione dei borghi, nei castelli sulle colline, nella cadenza della lingua parlata l’identità culturale che le lega alla Liguria.

Il paesaggio alterna vitigni, boschi e valli ed è la sede di una delle più rinomate DOCG grazie alla grandezza del vitigno Cortese e alla peculiarità dell’ambiente pedoclimatico. Le terre del Gavi sono rese, infatti, speciali dall’incontro tra il vento marino che soffia dal mar Ligure e i prospicenti appennini che mitigano il clima continentale con inverni freddi ed estati clade e ventilate. Altri fattori determinanti dell’ambiente pedoclimatico sono l’altitudine delle colline, l’esposizione dei pendii e la composizione del suolo.

E’ un territorio collinare, con al centro il comune di Gavi, che si estende dal versante nord dell’appennino ligure con la zona di Bosio e Cartosio, sino alle colline attorno a Novi ligure e Pasturana, confinando a sinistra con l’Ovadese con Capriata d’Orba e a destra con I colli tortonesi delimitati da Serravalle, crocevia di passaggio dalla Liguria alla pianura Piemontese ad al Monferrato.

Merita un accenno la composizione multiforme di questo territorio che alterna: 1) terre rosse, originate dalla ferrettizzazione delle ghiaie alluvionali e dai depositi argillosi nei terreni a nord di Gavi, Tassarolo e Novi Ligure, 2) un’alternanza di marne particolari che uniscono Serravalle Scrivia e San Cristoforo, note come le Marne di Sant’Agata e l’arenaria Serravaliana, molto simili a una parte dei terreni che ritroviamo nelle zone del Barolo e 3) le terre bianche di composizione argilloso calcarea, di evidente origine marina che occupano la parte meridionale della denominazione.



Questa ricchezza e alternanza di terreni arricchisce di sfumature l’espressione del vitigno Cortese, conferendo ai vini particolare vigore, eleganza e complessità.

Oltre 1500 ettari di vigneti disposti su altitudini che variano dai 180 ai 450 metri, orientati prevalentemente a Nord Ovest e a Sud Ovest, producono le uve Cortese che costituiscono il Gavi Docg. Già DOC dal 1974, il territorio ottiene da denominazione superiore nel 1998, attraverso rese più basse che esaltano la qualità del Cortese.

Nel calice il Gavi, prodotto nelle tipologie fermo, frizzante, spumante e riserva, si presenta in genere con riflessi verdolini, profumi delicati con sentori di frutta fresca tipo pesca bianca e fiori bianchi, note agrumate e decisa mineralità; in bocca è asciutto, fresco e sapido, di grande eleganza e media persistenza.


CONTENUTI CORRELATI

Prescinseua - La cagliata ligure

Ais
Genova

Martedì
Maggio

STOKKE E BACCALA’: curiosità, ricette e abbinamenti

Ais
Genova

Martedì
Maggio

L'oro verde - La storia

Ais
Genova

Sabato
Aprile

I vini aromatizzati. La storia.

Ais
Genova

Giovedì
Aprile