Val Polcevera: storia del territorio ligure e del vino DOC in tre varianti

La denominazione Val Polcevera risale ad un'antica Tavola bronzea del 117 a.C., citata come "Porcobera", un nome indoeuropeo composto da due voci il cui significato sarebbe "fiume portatore di trote".

La Val Polcevera è una delle principali vallate genovesi e prende il suo nome dal torrente Polcevera, uno dei due bacini fluviali che delimitano il centro storico della città di Genova da ponente a levante, per poi sfociare nel mar Ligure.

Val Polcevera è anche un prodotto vitivinicolo con Denominazione di Origine Controllata che comprende vini bianchi e rossi, prodotti in provincia di Genova, in particolar modo nel comune di Genova e in alcuni comuni limitrofi.
 

La storia della Val Polcevera e del vino DOC

Il territorio della Val Polcevera è storicamente considerata la principale via di collegamento con l'entroterra genovese e la Pianura Padana, e delimita il punto di confine tra Alpi e Apennini. Percorrendo la collina del Belvedere si trovano Forte Crocetta, Forte Tenaglia, Forte Begato e Forte Sperone, tutti collegati da una cinta muraria seicentesca che segue la cresta del monte.

Una delle principali cime del territorio è Monte Figogna, in cui sorge "La Nostra Signora della Guardia", principale santuario marino della Liguria conosciuto come luogo di culto molto amato dai genovesi, meta di pellegrinaggi e offerte votive. Oggi questa zona è suddivisa in diverse zone densamente popolate e ricche di attività industriali e commerciali.

La viticoltura nella Val Polcevera costituisce testimonianza storica antica di un territorio da sempre coltivato a stretto contatto con la vicina città di Genova che fin dal Medioevo ne costituiva il principale mercato di sbocco. Inizialmente il vino Valpolcevera veniva utilizzato come valore di scambio nelle imposte.

Dal 117 a.C. venne avviata la produzione di vino locale che accompagnerà fino ai giorni d'oggi la vita economica delle popolazioni della zona. In data 16 marzo 1999 il vino Val Polcevera ottenne il riconoscimento di Denominazione di Origine Controllata per la sua storicità e rarità di prodotto.
 

La coltivazione e la produzione del Val Polcevera

La zona di produzione delle uve per la produzione dei vini DOC Val Polcevera è localizzata nella provincia di Genova, nel bacino del torrente Polcevera e dei suoi affluenti Sardorella, Secca, Ricco' e Verde.

La zona di produzione di questo vino, designato con la sottozona Coronata, comprende la parte del comune di Genova, delimitata a est dal confine della zona, a sud dal mare a ovest dal torrente Varenna e a nord dal confine amministrativo. I comuni di Genova interessati sono Sant'Olcese, Serra Riccò, Mignanego, Campomorone, Ceranesi e Mele.

Questo vino viene prodotto in zone, come la Val Polcevera, che nutrono un'antichissima vocazione vinicola. Proviene dalle colline intorno ai paesi di Coronata, Rivarolo, Murta, Fegino e Sant'Olcese. Attualmente è considerato un vino raro e lo si riesce a trovare solo localmente presso le attività di piccoli produttori.

Autore: Admin Admin

CONTENUTI CORRELATI

sold out

concluso

Ripartono i concorsi AIS 2022

28 settembre 2022 / ore posti disponibili

sold out

concluso

Sori Solidale 2022

05 agosto 2022 / ore posti disponibili

sold out

concluso

Sandro Camilli eletto alla guida dell'AIS 2022-2026

13 luglio 2022 / ore posti disponibili

sold out

concluso

Marco Rezzano è il nuovo presidente

07 luglio 2022 / ore posti disponibili




© 2022 AIS Liguria - Termini e condizioni - Privacy policy - Credits