Agricoltura biodinamica

L'agricoltura biodinamica è un insieme di pratiche pseudoscientifiche basate su una visione spirituale ed olistica dell’azienda agricola.

Questa tipologia di agricoltura è molto di più di una semplice tecnica di coltivazione, è intesa come una vera e propria credenza e definisce uno stile di vita che mira verso un migliore equilibrio con l'ecosistema terrestre, inteso come rapporto tra natura, cosmo e uomo.

Questo approccio olistico considera come un unico sistema il suolo e la vita che si sviluppa su di esso. Ecco perché possiamo definire l’agricoltura biodinamica come una filosofia che crede nelle "energie vitali infuse nella materia inanimata".

L’azienda agricola biodinamica si prefigge l’ideale di arrivare ad essere un’unità biologica autosufficiente, dove terra, vegetazione, animali e uomini sono in perfetto equilibrio e contribuiscono l’uno al sostentamento dell’altro.
 

Le radici e la storia dell'agricoltura biodinamica

Partiamo innanzitutto dall’analisi etimologica del termine "Biodinamico":
"Bio" significa "vita", che, interpretato nel senso più ampio del termine, allude all’agire sempre nel rispetto delle leggi primordiali della vita. 

"Dyn" o dinamico, significa forza, intendendo le forze che agiscono “nelle” e “sulle” sostanze. In sintesi, biodinamico significa lavorare con le forze ed i processi della vita.

L’Agricoltura Biodinamica nasce formalmente nel 1924 a seguito di un meeting organizzato da agricoltori tedeschi, i quali invitarono Rudolf Steiner, filosofo e ricercatore con l’obbiettivo di divulgare le prime sperimentazioni relative alle emergenti problematiche dell’agricoltura chimica.
 

Agricoltura biologica o biodinamica? I rituali dell’agricoltura biodinamica

Dal punto di vista pratico la biodinamica presenta alcune somiglianze con l'agricoltura biologica, dalla quale si differenzia per il suo “credo”: l’utilizzo di particolari pratiche, tra cui alcuni “preparati” e l'attenzione verso le fasi lunari e le posizioni dei pianeti nelle costellazioni dello zodiaco.

Il profondo legame con la natura e il completo rispetto dei suoi ritmi portano, l’agricoltura biodinamica, ad abolire l’utilizzo di fertilizzanti minerali sintetici e di pesticidi chimici, e a gestire il terreno seguendo i cicli cosmici e lunari.

Il metodo biodinamico considera ogni sostanza come un binomio di materia e forza vitale: per portare la forza vitale nel terreno agricolo, sono necessari dei "preparati", che hanno l’obbiettivo di migliorare la qualità del terreno, aumentandone la quantità di humus, al fine di migliorare la qualità del raccolto.

Per ottenere i "preparati" si impiegano delle sostanze di origine naturale appositamente trattate, a base di: concime (rigorosamente naturale), polvere di quarzo, erbe, ortica, camomilla, achillea, valeriana, corteccia di quercia e dente di leone.

Prima di essere irrorati, i preparati vengono dinamizzati, diluendoli in grandi quantità d’acqua, così come si usa fare per i rimedi omeopatici.

Utilizzando accuratamente questi metodi, l'irrigazione del terreno non dovrebbe essere necessaria, ma se lo fosse, anche questa deve seguire un vero e proprio rituale (movimenti circolari, tempi definiti, ecc.).
 

Il calendario biodinamico

Steiner sosteneva che le parti in cui è suddivisibile una pianta sono essenzialmente quattro: radici, fusto e foglie, fiori, e frutti. Ad ognuna di queste parti egli ha associato uno dei quattro elementi della filosofia aristotelica (terra, acqua, aria e fuoco), secondo il seguente schema: radice – terra, foglia – acqua, fiore – aria, frutto – fuoco.

Un’altra forte sostenitrice di questo culto, Maria Thun, sosteneva inoltre che vi fosse una forte influenza tra le varie fasi dell’agricoltura e il transito della luna; da ciò deriva che: se si vuole ottenere un particolare sviluppo delle radici, occorrerà seminare quando la Luna transita nei segni di terra; per le foglie quando transita nei segni d'acqua; per i fiori quando transita nei segni d'aria; ed infine per i frutti quando transita nei segni di fuoco.

Gli obiettivi, che secondo queste pratiche, l’agricoltura biodinamica si pone sono semplici e di larghe vedute; mirano infatti tutti alla conservazione della vita, mantenendo la terra fertile ed in buona salute le piante e puntando alla qualità dei prodotti, al fine di produrre alimenti che rafforzino il metabolismo umano, per fare in modo che lo sviluppo fisico e spirituale dell’uomo avvenga in modo sano ed armonico.

Uno dei mantra di questa filosofia, sempre più attuale al giorno d’oggi, può essere racchiuso in quanto segue: con l’alimentazione non soddisfiamo semplici bisogni di ingerire energie, tradotti oggi in calorie, ma ci mettiamo in relazione con il nostro ambiente.
 

Il marchio commerciale

Il termine "agricoltura biodinamica" è divenuto un marchio commerciale detenuto dalla Demeter International, associazione che si occupa di garantire ai consumatori che cibi e prodotti agricoli etichettati come "biodinamici" provengano da produttori associati e certificati.

Tutte le aziende biodinamiche europee sono anche soggette al controllo per la conformità anche per l'agricoltura biologica poiché tutte le aziende biodinamiche sono anche biologiche. Ogni azienda agricola ha dunque un controllo aggiuntivo e una doppia certificazione: quella biologica e quella

Autore: Admin Admin

CONTENUTI CORRELATI

sold out

concluso

Ripartono i concorsi AIS 2022

28 settembre 2022 / ore posti disponibili

sold out

concluso

Sori Solidale 2022

05 agosto 2022 / ore posti disponibili

sold out

concluso

Sandro Camilli eletto alla guida dell'AIS 2022-2026

13 luglio 2022 / ore posti disponibili

sold out

concluso

Marco Rezzano è il nuovo presidente

07 luglio 2022 / ore posti disponibili




© 2022 AIS Liguria - Termini e condizioni - Privacy policy - Credits